Fabrizio Moro a DiPiù:”Ho il terrore di morire e delle malattie!”

Fabrizio Moro

Pronto per partire per un tour che lo vedrà protagonista nelle più importanti città italiane Fabrizio Moro si gode il momento di celebrità, la vittoria a Sanremo 2018 insieme all’amico Ermal Meta gli sta dando le soddisfazioni professionali che cercava da tempo, ma soprattutto ha sentito l’affetto del pubblico nel momento di crisi. Intervistato dal settimanale DiPiù Moro ha rivelato d’essere un ex drogato e alcolista, per 9 anni dai 18 ai 27 ha avuto un comportamento discutibile e pericoloso per la sua salute:

Per anni ho abusato di alcol e droghe. Ho iniziato a 18 anni: con gli amici andavo in discoteca e prendevo pasticche, tipo l’ecstasy, per ‘sballare’. E l’alcol scorreva a fiumi. Poi a 27 anni ho smesso.

 

Il cantante ha poi spiegato come è riuscito a rimettersi in riga: la paura di morire e una sopravvenuta ipocondria lo ha costretto a disintossicarsi:

Io sono un vigliacco, ho il terrore della morte. A un certo punto ho iniziato a stare male, mi sentivo debole. Sono andato a fare le analisi del sangue. E i risultati mi hanno spaventato. Quando ho capito che dovevo disintossicarmi, un altro disagio è arrivato: la paura di ammalarmi ha iniziato a condizionarmi. Ero ipocondriaco: non uscivo più di casa se non ero sicuro di andare in un luogo con vicino un ospedale. E pure con le donne avevo problemi. Per paura delle malattie, non volevo più fare l’amore. Ho rinunciato al sesso per un bel po’.